LA CISTITE E’ DONNA: SCOPRIAMO INSIEME I SEGRETI PER STARE BENE

Cos’è la Cistite?

La Cistite è la forma più ricorrente di IVU (infezioni delle vie urinarie) e colpisce in prevalenza le donne a causa di una sostanziale differenza anatomica: l’uretra femminile più corta favorisce l’attacco da parte di agenti esterni, in particolare Escherichia coli.

La zona che viene a contatto con questo agente estraneo riconosce che tale elemento non fa parte di sé e mette in funzione una serie di fenomeni che hanno lo scopo di combattere ed eliminare questo nemico.

Il disagio ed il malessere provocato, di intensità più o meno alta, può comportare notevoli inibizioni e fastidi, a carico del nostro organismo e spesso della nostra psiche.

Quali sono i sintomi?

Un episodio di cistite in atto si manifesta con una notevole difficoltà ad urinare, accompagnata da sensazione di dolore e bruciore e con la percezione di non aver svuotato completamente la vescica.

Spesso si avverte dolore e un continuo bisogno di urinare (pollachiuria), talvolta anche con perdita di sangue con l’urina.

Esistono rimedi naturali specifici?

La Natura ci offre, fortunatamente, nutrienti e piante che possono essere di grande aiuto per preservare il benessere delle vie urinarie.

Tra queste l’ Uva Ursina svolge una vera e propria attività di “lenitivo urinario”, la Solidago, dalle note proprietà drenanti, è utile per favorire l’eliminazione di tossine e agenti estranei, mentre il Cranberry (Mirtillo rosso americano) ha riconosciute capacità anti-batteriche, come indicato anche dall’Agence Française de Sécurité Sanitaire des Aliments (AFSSA) che nel 2004 ha pubblicato un parere favorevole su questa pianta, affermando che “l’assunzione di una quantità giornaliera minima di 36 mg contribuisce a diminuire l’adesione di certi batteri Escherichia coli sulle pareti delle vie urinarie”.

Alcune raccomandazioni

Al fine di ridurre il più possibile i sintomi di questo fastidioso disturbo si possono seguire alcune buone norme.

Tra queste:

  • Bere almeno 1,5-2 l di acqua al giorno, per diluire l’urina e ridurre la concentrazione dei batteri;
  • Assumere diuretici/drenanti a base di betulla, equiseto, verga d’oro, ortosifon, ortica che, uniti all’acqua, incrementano la diuresi, favorendo il lavaggio del tratto urinario e la diluizione della carica batterica presente in vescica;
  • Assumere antinfiammatori e spasmolitici come la camomilla e la malva, in tintura idroalcolica o tisana.
  • Seguire una corretta alimentazione, a basso consumo di zuccheri semplici, carboidrati, latticini e conservanti e quelli in grado di acidificare l’urina: infatti, una maggiore acidità è considerata protettiva nei confronti delle infezioni urinarie.

Tra questi alimenti acidificanti ricordiamo le proteine di origine animale, i cereali, le prugne ed i mirtilli.

È consigliato di sospendere tutti i cibi che possono irritare ulteriormente l’uretra come i piccanti (peperoncino, pepe, zenzero…) così come caffè, alcol e bevande a base di caffeina (es. energy drink, coca cola…);

  • Mantenere una regolare igiene intima, utilizzando detergenti neutri o leggermente acidi e a base di ingredienti antibatterici e disinfettanti (es. tea tree e semi di pompelmo);
  • Evitare l’uso di indumenti intimi troppo aderenti o sintetici che riducono la traspirazione.

Scopri gli integratori migliori per prevenire e combattere la cistite nella sezione Promozioni e Offerte.

Per tutte le tue domande e curiosità e per approfondire questo argomento, sono a tua completa disposizione per offrirti la consulenza mirata di cui hai bisogno.

Un abbraccio a tutte le Donne perché “Le donne sono belle da respirare” (Fabio Volo).