L’Oro Nero delle nostre tavole: 12 ottimi motivi per non restarne senza!

Il titolo che ho pensato per definire la bevanda più conosciuta e amata al Mondo non è casuale!

Conosciamolo un po’ meglio.

Il caffè, la bevanda nota a tutti per le sue proprietà stimolanti, viene preparato con i semi dei frutti prodotti dalla pianta del caffè.

La pianta ha piccole bacche rotonde e verdi che una volta giunte a maturazione diventano di color rosso vivo.

Due le principali qualità: l’Arabica, aromatica e profumata, più morbida e delicata e la Robusta invece, dal gusto più deciso e ricco, dall’aroma intenso, persistente e corposo.

Ecco le principali sostanze contenute in 100 grammi di caffè:

Acqua g 97,8
Grassi g 0,2
Proteine g 0,1
Magnesio mg 80
Potassio mg 114
Fosforo mg 7
Calcio mg 2
Sodio mg 14
Ferro mg 0,1
Zinco mg 0,05
Rame mg 0,05
Manganese mg 0,05
Vitamina B2 mg 0,17
Vitamina B3 mg 5,2
Vitamina B5 mg 0,03
Vitamina C mg 0,2
Vitamina J mg 2,6

 

Altre sostanze contenute nel caffè sono aminoacidi, fitosteroli, terpeni, tannini, pectina, cellulosa e oli volatili.

Contiene anche acidi come l’acido aspartico, l’acido citrico, l’acido stearico, l’acido glutammico, l’acido linoleico, l’acido palmitico, l’acido oleico, l’acido caffeico, l’acido clorogenico e l’acido ossalico.

A tutti piacerà anche il fatto che 100 gr di caffè hanno un apporto calorico pari a 2 kcal (ovviamente lo zucchero non è contemplato!!!).

E poi c’è la fantomatica caffeina.

La caffeina ha proprietà stimolanti sul sistema nervoso ritardando la sensazione di fatica. Per questo motivo è chiamata droga ed è utilizzata, insieme ad altre sostanze con caratteristiche simili, nella composizione di bevande energetiche.

Secondo gli esperti, il consumo ottimale di caffeina al giorno è stimato attorno ai 200-300 mg, pari quindi a 3-4 tazzine di caffe al giorno.

Oltre che dalla preparazione, la quantità di caffeina presente nel caffè varia molto anche a seconda della miscela che si sceglie: il caffè qualità Robusta ha una caffeina tra 1,7% e il 3,5% mentre il caffè qualità Arabica ha circa la metà o un terzo della caffeina della Robusta, da 0,8% a 1,5%.

Le innumerevoli proprietà

Mettetevi comodi e prendete appunti!

  1. ANTIOSSIDANTE

È una delle fonti alimentari più ricche di sostanze naturali con proprietà antiossidanti: uno studio condotto in Spagna dall’Università di Pamplona ha rivelato che una tazzina ne può contenere dai 350 ai 450 mg, una quantità maggiore di quella che si ricava da frutta e verdura insieme.

La caffeina combatte l’azione dei radicali liberi, che, come sappiamo, possono essere responsabili dell’insorgere di diverse patologie, anche gravi.

  1. ANTITUMORALE

Non voglio creare falsi allarmismi e gridare al miracolo ma è pur vero che alcuni studi pubblicati dall’Harvard School of Public Health e studi pubblicati nel 2011 nell’edizione online del Journal of the National Cancer Institute, sostengono che “bere regolarmente caffè diminuisce sensibilmente il rischio di sviluppare una forma letale di tumore alla prostata e che il caffè sembra in grado di prevenire quello al colon-retto e quello al fegato”.

  1. ANTIDEPRESSIVO

Bere alcune tazzine al giorno riduce il rischio di suicidio del 50 %, sia nelle donne come negli uomini. A sostenerlo è un altro studio, sempre dell’Harvard School of Public Health, pubblicato nel luglio 2013 su The World Journal of Biological Psychiatry.

  1. TONICO CEREBRALE

Chi beve caffè abitualmente sviluppa una maggiore protezione nei confronti di patologie neuro-degenerative:  diversi studi infatti dimostrano che il consumo di questa bevanda riduce il rischio di sviluppare patologie come il morbo di Parkinson.

  1. CARDIOTONICO

Assunto in dosi moderate ha proprietà che apportano benefici al cuore migliorando di conseguenza la resistenza dell’organismo agli sforzi prolungati. Molto importante l’azione che esercita nella riduzione dei rischi cardiovascolari.

  1. PROTETTIVO PER IL FEGATO

Il fegato è un organo vitale per il nostro organismo. Da recenti studi è emerso che chi beve caffè ha circa l’80 % di probabilità in meno di sviluppare malattie e disfunzioni epatiche.

  1. BRUCIA GRASSI

Studi sulla caffeina hanno dimostrato le sue proprietà termogeniche, ossia la sua capacità di bruciare energie e di conseguenza i grassi.

E’ uno dei componenti principali dei prodotti dimagranti e brucia grassi esistenti in commercio.

  1. AIUTA LA RESPIRAZIONE

Il caffè può aiutare chi ha problemi di respirazione dovuti ai bronchi, in quanto ne favorisce la dilatazione.

  1. DIGESTIVO

Dopo pranzo una tazzina di caffè aumenta la produzione di saliva e stimola la secrezione gastrica, di conseguenza favorisce la digestione.

  1. CONTROLLO DELLA GLICEMIA

Contribuisce a regolare la quantità di zucchero nel sangue rappresentando così un aiuto ai sofferenti di diabete di tipo 2.

Gli studi dimostrano che chi beve regolarmente caffè riduce notevolmente il rischio di sviluppare il diabete.

  1. DIURETICO

Nel caffè sono presenti molti componenti utilizzati per contrastare la ritenzione idrica e il ristagno dei liquidi.

Inoltre, grazie alla presenza di metionina, il caffè ha effetti benefici anche sulla prevenzione delle infezioni del tratto urinario.

  1. ENERGIZZANTE

La bevanda può aiutare le persone ad aumentare i livelli di energia e a sentirsi meno stanchi sia fisicamente che cerebralmente.

Vi sono diversi studi che dimostrano come le proprietà del caffè migliorino diversi aspetti della funzione cerebrale come la memoria, i tempi di reazione, la funzione cognitiva, l’energia e l’umore.

Anche le prestazioni fisiche ottengono dei benefici dopo l’assunzione di questa bevanda. Diversi studi hanno mostrato che la caffeina aumenta i livelli di adrenalina nel sangue e di conseguenza l’energia e la prestanza fisica.

La controindicazioni

In ogni fiaba che si rispetti c’è un orco o un mostro!

E anche il nostro caffè ha qualche controindicazione da non sottovalutare

La prima è che chi è solito abusare quotidianamente del consumo di caffè potrebbe sviluppare una dipendenza chiamata “caffeinismo” i cui sintomi sono molto simili a quelli degli attacchi d’ansia: nervosismo, mal di testa dovuto ad astinenza, palpitazioni, insonnia, irritabilità e nervosismo.

Poi non è indicatissimo per le donne in gravidanza e/o in allattamento.

Dato che la questione è un po’ controversa è sempre meglio consultare un medico.

Il caffè poi non dovrebbe essere bevuto (o almeno con molta cautela) da soffre di:

Ipertensione, Insonnia, Ansia, Problemi al cuore, Ulcera, e patologie epatiche.

Per concludere vorrei condividere con voi la mia considerazione finale….

Se il caffè è una delle parole più conosciute da grandi e piccini, se è la bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua (circa 2,5 miliardi di tazze al giorno) e se il buon Google per il termine caffè in 0,43 secondi mi trova 162.000.000 risultati allora forse possiamo davvero ritenerlo a pieno titolo “L’Oro Nero delle nostre tavole”.