Melatonina: elisir di lunga vita!

Sbalzi di umore, irrequietezza, difficoltà ad addormentarsi o frequenti risvegli notturni ma anche comparsa precoce di rughe, caduta dei capelli, stanchezza cronica, vampate di calore in menopausa.

Sempre più clienti e amici mi chiedono consigli su come risolvere o attenuare questi fastidiosi sintomi che, se trascurati, potrebbero compromettere seriamente la nostra salute e il nostro benessere.

Tra i più seri e diffusi, soprattutto nei cambi di stagione, c’è l’insonnia.

L’insonnia è definita come l’incapacità di dormire nonostante l’organismo ne abbia un reale bisogno fisiologico (la quantità di ore di sonno necessarie è variabile da un soggetto all’altro, ma tendenzialmente varia tra le 7 e le 8 per gli adulti).

Recenti statistiche hanno determinato che sono ben 9 milioni gli italiani che soffrono di insonnia.

Infatti, pare proprio che il “non riuscire a dormire bene”, il “non riuscire neppure a prender sonno” o lo “svegliarsi troppo presto” sia un problema davvero diffuso persino tra i piccini, tanto che i dati parlano di più del 35% di bambini con diverse problematiche legate al sonno.

Le cause dell’insonnia possono essere molteplici ma certamente tra le più comuni e diffuse ci sono stress, turni lavorativi stressanti, viaggi e ancor dolori come emicrania, artrite, cervicalgia, menopausa, gravidanza o il consumo eccessivo di bevande nervine (tè, caffè, bevande energetiche…).

La mancanza di sonno ovvero un riposo poco ristoratore possono provocare serie conseguenze tali da influenzare negativamente le nostre attività quotidiane, quali sonnolenza, stanchezza, mancanza di energia, irritabilità, mancanza di concentrazione e talvolta anche depressione.

Nell’ambito dei rimedi naturali, la melatonina è uno degli integratori più prescritti e più utilizzati in caso di insonnia e non solo degli adulti: infatti, sono sempre più numerosi i pediatri che consigliano la somministrazione di melatonina quando i genitori lamentano “sonni difficili” dei bambini più o meno piccoli.

Ma scopriamo meglio che cos’è e le sue molteplici e incredibili proprietà!

La melatonina è un ormone naturalmente prodotto dall’epifisi, una ghiandola che si trova nella parte centrale del cervello e che ha il compito di regolare i ritmi ormonali dell’organismo.

La produzione di melatonina è influenzata dall’alternanza buio-luce che a sua volta influisce sui ritmi sonno-veglia dell’individuo.

Nello specifico, quando è buio la ghiandola rilascia melatonina nell’organismo.

È risaputo che, intorno alle 20:00 il livello di melatonina comincia a salire e aumenta in maniera progressiva fino circa alle 3:00: a partire da questo momento, il livello di melatonina cala di nuovo.

La sua secrezione comincia nell’età dell’adolescenza, ma diminuisce con gli anni, soprattutto una volta superati i 40 anni.

Sempre più studi confermano che una produzione ottimale di melatonina mantiene l’organismo giovane ed efficiente, mentre una produzione scarsa ne provoca il progressivo invecchiamento (cfr. Pierpaoli, Zappulla “L’Orologio della Vita. La storia del miracolo della Melatonina” – Morlacchi Editore).

Proprio così, ho parlato di giovinezza ed efficienza psico-fisica e a breve ti svelerò come mantenerti in forma e in salute grazie all’integrazione di questo fondamentale sostanza.

La melatonina può essere una benedizione per le persone sottoposte a grande stress in quanto svolge un’azione positiva sui neurotrasmettitori, sostanze chimiche naturali che permettono la comunicazione tra le cellule nervose.

Per esempio, molte persone che svolgono lavori particolarmente stressanti o che sono obbligate a passare molte ore in luoghi dove vi è solo luce artificiale finiscono col dormire poco e mangiare male.

Un tale stile di vita provoca un’allarmante riduzione del livello di melatonina e il rischio di ansia, panico e depressione, nonché un serio indebolimento del sistema immunitario, dato che viene meno uno dei migliori antiossidanti biologici di cui disponiamo, quello capace di riparare le cellule danneggiate e di frenare l’invecchiamento precoce.

La melatonina svolge un lavoro eccellente anche contro l’invecchiamento e i processi degenerativi.

Infatti, questo ormone sincronizza anche i ritmi dei nostri neuro-trasmettitori cerebrali e ciò che accade con il passare delle primavere è una progressiva perdita delle nostre capacità cognitive, come ad esempio l’attenzione o la memoria.

Inoltre, molti studi hanno evidenziato la correlazione tra mancanza di melatonina e la comparsa di alcune malattie come l’Alzheimer o il Morbo di Parkinson.

La melatonina è anche un prezioso alleato della nostra bellezza: il merito principale è della sua funzione antiossidante in grado di arginare l’attacco dei radicali liberi che provocano l’ossidazione dei vari organi, compresa la pelle, e quindi una comparsa precoce di rughe.

In più, sempre in tema di bellezza, tiene a freno la caduta dei capelli, poiché favorisce un buon trofismo dei follicoli piliferi.

Ancora un’ottima notizia per le tante donne che combattono i fastidiosi sintomi della menopausa!

L’assunzione di melatonina è un ottimo metodo per combattere o ridurre notevolmente le vampate di calore e la palpitazioni tipiche di questa particolare fase delle vita di ogni donna.

Per concludere possiamo dire che, compatibilmente con il modus vivendi di ognuno di noi, in primo luogo è cosa buone e giusta vivere in armonia con i cicli naturali della luce e del buio, evitando che le nostre notti vengano sovraccaricate della luce artificiale e che i momenti immediatamente antecedenti al riposo siano inquinati dai dispositivi elettronici, come il PC, il tablet, il cellulare o la TV.

È bene curare la nostra alimentazione introducendo cibi ricchi di un amminoacido molto importante, il triptofano, che sintetizza quantità sufficienti di melatonina e serotonina.

E da ultimo, ma non per importanza, la melatonina può essere implementata sotto forma di integratore che ci aiuta a ripristinarne i giusti valori ovvero a mantenerli stabili rallentando il deterioramento della nostra ghiandola pineale.

Non è a caso pertanto che questa sostanza venga definita “l’elisir di giovinezza”.